Condanne a morte e trapianti

In Cina vi é un’abbondanza di organi che non é paragonabile a nessun altro paese del mondo. Gli organi sono prelevati dai condannati a morte dopo l’esecuzione con un colpo di fucile alla nuca e inviati immediatamente ai centri trapianto. I pazienti, pertanto, vengono convocati in ospedale in una data precisa, e gli organi arrivano sempre in orario

Ignazio Marino. Nelle tue mani, pag. 151. Einaudi

Lascio un commento