La “banalità del male” nella professione medica

In un articolo sulla sanità di Carlo Picozza su la Repubblica di ieri ho trovato queste frasi che ho ritagliato:

Il medico non arriva mai prima delle 10.30, ma gli appuntamenti sono fissati ore prima

Il malato come nemico

Dal Pronto soccorso ai reparti… si fanno largo relazioni improntate alla tutela della integrità professionale, alla carriera personale, all’osservanza zelante delle procedure e degli incartamenti piuttosto che alla risposta al fabbisogno di salute dei malati

A tenere banco sono burocrazia e Medicina difensiva

 

Lascio un commento