La storia di un libro é un processo di conoscenza

 

 

Abbiamo bisogno di essere pensati, sognati e raccontati

Concita De Gregorio, in Pane Quotidiano, presenta il libro di Dacia Maraini “La bambina e il sognatore”. Il suo primo libro scritto in prima persona maschile.

Durante la trasmissione vengono trattati l’importanza del sogno e della ricerca della Verità chiusa nel Sé, l’importanza di raccontare una storia vera e la vicinanza con la morte.

Interventi

“Possiamo dire che la figura del bambino é centrale nel suo romanzo perché é l’oggetto sia della ricerca che della sofferenza del protagonista, nonché del movente che intreccia e allo stesso tempo che scioglie la trama. Dunque possiamo dire che é proprio questo il ruolo del bambino nella società odierna, quello di intrecciare e sciogliere la trama della vita dell’adulto”.

“I sogni sono la nostra salvezza o la nostra rovina?”

 

Lascio un commento